La Piena – Mikael Niemi

la pienaUn’altra mia lettura di scrittori pubblicati dall’editore Iperborea.

Questa volta, dopo una veloce puntata verso sud con un autore olandese, sono tornato in territorio scandinavo, quello prediletto dalla casa editrice milanese.

Il libro dello svedese Mikael Niemi si intitola La piena e, come è facile intuire dal nome, parla della piena di un fiume che travolge una diga e diventa, con il suo catastrofico procedere, il collante per una serie di personaggi.

Lo schema impostato dall’autore è quello classico con capitoli separati e più situazioni che si evolvono contemporaneamente per poi arrivare a congiungersi verso la parte finale.

La storia è tutto sommato avvincente, anche se in molti passaggi sembra prendere la piega di un film ad effetti speciali con salvataggi all’ultimissimo secondo e sorprese per la maggior parte positive.

I personaggi sono i più disparati, con la chiara eccezione di uno, ma finiscono per assomigliarsi un po’ troppo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Solo Bagaglio a Mano – Gabriele Romagnoli

solo bagaglio a manoNel libro di Gabriele Romagnoli si possono trovare diversi spunti interessanti.

A parte l’inizio e la fine che non mi erano del tutto nuovi perché ho la sensazione di avere già letto questa cosa in un articolo forse su Wired, tutto il mondo di mezzo può essere fonte di ispirazione.

Non tanto per i consigli pratici, quanto per quelli sociali ed esistenziali.

Solo bagaglio a mano è infatti uno stile di vita, più che un consiglio di viaggio.

Un libro di esperienze personali che, attraverso il racconto di una serie di aneddoti, invia un messaggio chiaro al lettore: viaggia leggero.

Nella vita viaggia leggero, non in ferie o in vacanza.

Non concentrarti sull’accumulo, non pensare a conservare ogni cosa, non rimanere legato a cose o persone ormai passate.

La vita è breve e vale la pena di essere vissuta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Stella Distante – Roberto Bolano

stella distanteUn’ottima occasione per avvicinarmi a Roberto Bolano, in attesa di trovare la voglia di buttarmi sulla lettura del mastodontico 2666, è stato questo Stella distante.

In realtà Bolano stesso nell’introduzione dichiara di avere semplicemente scritto sotto la dettatura dell’amico Arturo; non sarebbe pertanto un’opera frutto del suo ingegno, per lo meno a sentire lui.

Ciò non giocherebbe a favore della mia curiosità personale nei confronti dell’autore cileno, tuttavia risulta abbastanza difficile credere fino in fondo a quell’affermazione, in quanto a mio modo di vedere, uno scrittore è sempre uno scrittore e dunque mette qualcosa di suo in qualsiasi cosa esce dalla penna.

E’ quindi con serenità che ho affrontato questo libro. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

La Casa di Carta – Carlos Maria Dominguez

la casa di cartaMia prima e al momento unica lettura di Carlos Maria Domingues che devo dire ho trovato piacevole.

Niente di straordinario in questo racconto lungo, però l’atmosfera ed il contesto sono di quelli che un grande lettore troverà certamente di proprio gradimento.

La storia è molto semplice: una donna subisce un incidente in seguito al quale si apre un giallo sulla proprietà di uno strano libro.

In questo modo incomincia quindi una ricerca che porta a viaggiare per biblioteche e grandi collezioni private.

Interessante come ogni lettore possa immedesimarsi in uno dei protagonisti a seconda delle diverse caratteristiche; infatti c’è il lettore compulsivo che legge, legge e legge, ma c’è anche il collezionista con il culto dell’oggetto prima ancora del contenuto.

Insomma a ciascuno il suo; in ogni caso un libriccino che si legge in un’ora o poco più, ma che dà un senso di appagamento ben più importante.

Tempo di lettura: 1h 26m

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

50 Grandi Idee di Filosofia – Ben Dupré

50 grandi idee di filosofiaIn un periodo storico come quello attuale è quasi inevitabile ascoltare giudizi istintivi e prese di posizione decisamente rigide.

In generale tutti sanno tutto e pochi sono disposti a discutere le proprie convinzioni né tantomeno ascoltare quelle altrui.

La filosofia, materia da me mai affrontata nel corso dei miei studi tecnici, pone rimedio a questo atteggiamento blindato e viene in soccorso di coloro a chi vorrebbe affrontare argomenti delicati che non prevedono risposte certe.

E’ questo il punto di vista corretto per affrontare la lettura di un libro che parla in maniera semplice e sintetica di filosofia applicata.

Come è caratteristica della materia, praticamente tutti i dubbi e le situazioni presentate, potrebbero avere come risposta: “dipende” e proprio qui sta il bello. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Metodo Conte – Alessandro Alciato

metodo conteÈ con curiosità che ho letto il libro del giornalista Alessandro Alciato su Antonio Conte

Metodo Conte rappresenta un piccolo viaggio nell’universo dello sport agonistico.

Si tratta di calcio, ovviamente, ma gli aneddoti riportati e i metodi di lavoro di Conte, possono essere ritenuti validi per qualsiasi approccio competitivo, non necessariamente sportivo.

Chi non è avvezzo a certi ambienti e non ha mai frequentato spogliatoi o gruppi di lavoro dove la qualità viene misurata in base ad un risultato o ad una classifica ben definita, forse troverà il libro più sorprendente di altri e magari penserà che molto di ciò che ha letto sia un’esagerazione perché in fondo si tratta di un gioco o al massimo di uno sport, che per parecchia gente sono la stessa cosa. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Scrivere e Pubblicare un Libro – 10 Lamentarsi non è una strategia

urban-fictionNello sport esiste un detto che recita bisogna saper vincere, il cui significato in realtà è semplice: quando sei convinto di avere fatto le cose nella maniera migliore possibile, beh quello è il momento di non fermarsi, anzi è il punto di partenza per fare ancora di più.

Non ti devi mai sentire arrivato e devi tenere sempre presente che nessuno ti regala nulla.

Se pensi di avere fatto tutto per bene e i risultati che sei certo di meritare non arrivano, puoi fare diverse cose: abbandonare il progetto, accusare il sistema, intestardirti sulle stesse cose di sempre, oppure allargare la visuale e cercare di vedere oltre l’orizzonte, il tuo orizzonte.

Dato che, come riportato nella pagina About,  Cavalca il tuo orizzonte è il motto di questo blog, vediamo cosa significa.

Il panorama letterario è uno di quelli con più lamentazioni in assoluto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri

Diario d’Inverno – Paul Auster

diario d'invernoPaul Auster non si smentisce ed anche con un “semplice” diario personale riesce a distinguersi.

Lo fa con una scrittura in seconda persona che ottiene come risultato un simil racconto verso il lettore, seppur in realtà Auster stia parlando di se stesso con se stesso.

Dopo la lettura di Storia di un corpo di Daniel Pennac e Diari della bicicletta di David Byrne, ecco un altro libro che segue lo stesso filone, quello di aprirsi verso i propri lettori presentandosi con le proprie esperienze, curiosità, debolezze, timori, eccetera.

Un’operazione che permette al lettore più concentrato sui libri, di comprendere in qualche modo da dove vengano quelle opere e quale sia stato il percorso di vita dell’autore che le ha portate alla luce.

In qualche caso anche di capire come mai un autore abbia abbracciato un genere letterario piuttosto che un altro. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Undici Solitudini – Richard Yates

Richard Yates. contemporaneo ed amico di Carver, condivide con lui molto: dall’amore per le storie di realismo quotidiano, alla forma letteraria del racconto, dalla dedizione all’alcool, ad una vita difficile e ben poco agiata.

Tornato dalla guerra con una lieve forma di tubercolosi, finisce per passare diverso tempo in sanatorio, per poi attraversare, una volta dimesso, tutte le fasi classiche della decadenza del poeta romantico.

Si sposa, diventa padre, scrive, riceve rifiuti, ha problemi economici, cominciano dissapori coniugali, eccetera, eccetera.

In poche parole inizia la sua personale discesa verso un baratro esistenziale che cerca di descrivere nelle sue storie ricche di contenuti autobiografici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Il Settimo Pozzo – Fred Wander

il settimo pozzoQuesto libro appartiene alla letteratura che si occupa dell’Olocausto.

Non è mai facile leggere qualcosa del genere, però dovrebbe essere un obbligo morale farlo almeno ogni tanto.

Si dice sempre che la storia si ripete.

Si dice sempre che importante è il non dimenticare.

Beh, in questi tempi pare proprio che la storia, almeno una parte di essa, si stia ripetendo e che in molti abbiamo proprio dimenticato tante cose.

Oppure ancor peggio non le abbiano mai sentite o fatte loro.

Fred Wander, come ogni sopravvissuto che racconta le proprie vicissitudini, parla di quello che ha visto e di quello che ha sentito. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, Uncategorized