Archivi tag: genere fantastico

22/11/’63 – Stephen King

22-11-63Un giorno con Stephen King! Beh, non in senso letterale ovviamente, ma quasi: quasi 20 ore di lettura per questo romanzo sul viaggio nel tempo, nell’innocente e puro tentativo di incidere sull’andamento della storia in maniera da rendere il mondo migliore di come lo si conosce.

E’ questo sostanzialmente ciò che i due protagonisti cercano di fare: Al ci mette le cose che ha scoperto e Jake ci mette la propria persona.

Un romanzo abbastanza classico per il genere Stephen King, anche se molti degli aspetti misteriosi e tenebrosi da lui spesso utilizzati a fondo, qui vengono solamente accennati.

In effetti, in alcune occasioni ci sono edifici e luoghi che lasciano intravedere una propria personalità, maligna ovviamente; ma in quelle poche occasioni, a differenza di molti altri romanzi nei quali cose e luoghi simili hanno inciso direttamente sull’andamento della vicenda, lo spazio che qui viene loro concesso è di pura marginalità: non accade nulla se non che il protagonista avverte una strana sensazione, nulla di più.

Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

L’Arte Di Correre – Haruki Murakami

Affronto i compiti che ho davanti e li porto a compimento uno ad uno. Concentro l’attenzione su ogni singolo passo, ma al tempo stesso cerco di avere una visione globale e di guardare lontano.

Perché si dica quel che si vuole, ma io sono un maratoneta.

Haruki Murakami scrive questo libro, L’arte di correre, tra il 2005 e il 2006 facendo una sintesi degli appunti raccolti in circa 25 anni di corsa e realizza in questo modo una sorta di vademecum sulla filosofia che lega quelle attività che richiedono costanza, abnegazione e tutta una serie di altre doti specifiche che accomunano attività solo in apparenza molto diverse tra loro.

Di conseguenza, solo in apparenza si parla di atletica, corsa e podismo; in realtà il protagonista vero di quest’opera non può essere altri che il modo di porsi di fronte ad obiettivi importanti.

Numerosissime sono infatti le affinità tra il mestiere di scrittore e quello di corridore delle lunghe distanza ed è su questi aspetti che l’autore giapponese vuole concentrare l’attenzione del lettore.

Il libro è molto bello ed interessante per chi ha praticato sport a livello dilettantistico, in special modo sport di fondo, ma anche chi cerca di cimentarsi nella realizzazione di storie, racconti o romanzi, può trovare diversi spunti utili. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

1Q84 – Haruki Murakami

1Q84 di Haruki Murakami è stato il mio primo libro letto nella veste di partecipante ad un gruppo di lettura e come esperienza si può dire abbia avuto aspetti sia positivi che negativi.

La parte più interessante è stata lo scambio di idee tappa dopo tappa ( la lettura era cadenzata secondo un certo numero di pagine settimanali ) che si riesce ad avere con gli altri lettori.

In particolar modo ci si rende conto di come ognuno veda le cose in maniera diversa, come se ciascun lettore avesse tra le mani un libro con una introduzione dettagliata in stile “guida alla lettura” o delle note aggiuntive per spiegare i punti di vista e gli aspetti non chiariti.

Ciò può dar luogo a dibattiti interessanti e coinvolgenti.

Come principale nota negativa invece c’è da sottolineare il vincolo dei tempi di lettura al quale in qualche modo ci si deve adeguare.

Questa cosa toglie in parte quel senso di libertà che penso chiunque prenda in mano un libro si trovi a provare.

Poco male comunque…allora libro in mano e che la lettura abbia inizio! Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Notte Buia Niente Stelle – Stephen King

Finalmente Stephen King si toglie da quel canale ripetitivo che per lungo tempo gli ha fatto scrivere sostanzialmente sempre lo stesso libro.

In questa raccolta di racconti lunghi infatti, lo scrittore torna in un certo senso alle origini spezzando una catena che stava stancando.

A parte la prima storia che richiama quel qualcosa di soprannaturale ormai divenuto un classico delle sue opere, gli altri racconti sono più realistici e coinvolgono persone “normali”.

Tutto risulta credibile e questo ogni tanto non guasta neanche nell’opera di King. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in libri, recensioni libri

Firmino – Sam Savage

A pagina 157 dell’edizione  Einaudi Stile libero Big leggo:

“Ero piuttosto avviluppato in qualcosa di simile al tedio. Ero carico di tedio. La vita mi tediava, la letteratura mi tediava, persino la morte.”

Allora alzo gli occhi e penso “ecco, è esattamente quello che sto provando io”.

Subito dopo mi rendo conto che la sensazione che sto provando ha la sua origine nel libro stesso e tutto mi è chiaro.

Lontano dalle mie intenzioni fare il commento del bastian contrario, solamente un’opinione personale da forte lettore. Continua a leggere

Commenti disabilitati su Firmino – Sam Savage

Archiviato in libri, recensioni libri

Frankenstein – Mary Shelley

Da sempre tutti sanno a grandi linee cosa si intende quando si parla della vicenda di Frankenstein.

La stessa storia vale un po’ anche per tutti quei classici con i quali fin da bambini siamo stati abituati a convivere.

Ci sembra di sapere ormai così tante cose di quelle storie che mettersi lì a leggere proprio il libro che ha dato il via a tutto quanto, ci pare quasi una perdita di tempo.

Mi riferisco, tanto per fare qualche esempio, a titoli come Dracula, come I Promessi Sposi, come Il giro del mondo in 80 giorni, come Moby Dick, senza tralasciare cose più importanti come L’evoluzione della specie, L’Iliade, L’Odissea o perfino La Bibbia.

Ebbene, di tutti questi titoli la stragrande maggioranza di noi saprebbe raccontare molto, magari senza neanche avere mai avuto sotto mano una qualsiasi delle tante edizione pubblicate. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

La Corporazione dei Maghi – Trudi Canavan

Le porte di un nuovo universo mi si sono aperte leggendo questo libro.

Le mia esperienza sul mondo fantasy era limitata all’eccellenza de Il Signore degli Anelli e a qualche sporadico videogioco.

Ho scelto questo libro partecipando ad una sfida di lettura del gruppo Readers Challenge di aNobii, grazie al quale scopro sempre generi e autori diversi.

Premesso che il fantasy non è e non sarà nemmeno in futuro il mio genere preferito, devo dire che il libro è stato molto coinvolgente.

Le sue atmosfere medioevali, i mantelli, i cappucci…

Tutto l’insieme mi ha riportato ad clima già vissuto con Q, con Il Signore degli Anelli ed anche con Il Nome della Rosa.

Ora, non essendo un esperto del genere, non sono in grado di poter fare confronti con altri autori, ma esprimere il mio gradimento, questo sì.

Il libro è stato divorato nell’arco di un paio di giorni e questo già dice molto.

La storia richiama vicende simili di altri generi rischiando in alcuni momenti di sconfinare nel fiabesco, ma il lettore nonostante tutto si ritrova legato al racconto fino alla fine di questo che rappresenta solamente il primo capitolo di una trilogia.

2 commenti

Archiviato in libri, recensioni libri

Al di là dei Sogni – Richard Matheson

La curva del mio personalissimo giudizio su questo libro ha più volte cambiato raggio durante la lettura.

Devo dire che questa storia mi incuriosiva ormai da molto tempo: precisamente da quando una volta, ormai diversi anni fa, presi a noleggio la videocassetta  del film.

Ricordo che cominciai la visione con questa specie di giardino pieno di colori del quale non capii praticamente nulla e subito dopo, a causa di un impegno improvviso, dovetti interrompere tutto quanto e rimandare a data da destinarsi la visione; è da quella volta che questo titolo mi girava per la testa.

L’inizio della storia mi è piaciuto molto, con i sui imprevisti e la sua continua incertezza. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Il Popolo Dell’Autunno – Ray Bradbury

Lo schema è quello consolidato: l’introduzione alla vicenda vede come protagonisti dei ragazzi che mentre vivono la loro spensierata giovane età, si trovano ad avere a che fare con un personaggio stravagante.

Questo incontro li proietta in un’esperienza che da avventurosa si trasforma ben presto in pericolosamente tragica.

La deriva del racconto verso il fantasy horror è lo stile conclamato di questo genere di romanzi.

Da vecchio e appassionato lettore dei libri di Stephen King, devo dire che per quanto mi riguarda questo genere di storie ha perso molto del suo fascino.

Nello specifico una cosa fondamentale che mi lascia sempre abbastanza perplesso è l’uniformità delle conclusioni. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

L’Ultima Riga delle Favole – Massimo Gramellini

Leggendo questo libro possono capitare due cose: o si viene presi dall’entusiasmo e dal romanticismo e allora tutto sembra indirizzare il lettore verso una crescente autostima, oppure si rimane distaccati e allora le stesse cose sembrano piuttosto banali

Diversi passaggi contengono indubbiamente una verità importante che ti costringe a soffermarti almeno un momento prima di continuare la lettura; uno su tutti questo:

“L’evento più affascinante che ti possa capitare consiste nel darti un traguardo e nel lottare per raggiungerlo”

Dopodichè si ritorna al libro di carta e una volta rientrati all’interno della vicenda raccontata ci si accorge di come non sia tutto oro quello che luccica.

Con tutto il rispetto che provo per l’autore, rispetto certamente ribadito, mi sento di dare un giudizio negativo a questo suo primo romanzo e affermare che sia molto meglio come giornalista che come scrittore. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in libri, recensioni libri