Archivi tag: sandor marai

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2008

Annata 2008

72 titoli

Dicembre   (  7  titoli  )

nelle terre estremeNelle terre estreme

Jon Krakauer

*****

30 dicembre 2008

.


posizioni compromettentiPosizioni compromettenti

Susan Isaacs

***

27 dicembre 2008

.

l'uccello che girava le viti del mondo

L’uccello che girava le viti del mondo

Haruki Murakami

****

26 dicembre 2008

.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2011

Annata 2011

64 titoli  –  365 h 59m

Dicembre   (  5 titoli  –  24h 54m  )

stella distanteStella distante

Roberto Bolano

**** 

29 dicembre 2011

4h 10m

tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Giorgio Faletti

***   commento

25 dicembre 2011

2h 37m

timbuctuTimbuctu

Paul Auster

****

22 dicembre 2011

3h 45m Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Letture Febbraio 2011

05 febbraio 2011

Mio Amato Frank –   Nancy Horan  ( 10h 48m )

10 febbraio 2011

Storia di una Gabbianella e del Gatto che le insegnò a volare –  Luis Sepulveda

12 febbraio 2011

Il Cimitero dei Pianoforti –  José Luis Peixoto  ( 7h 10m )

19 febbraio 2011

I Custodi del Libro –  Geraldine Brooks  ( 10h 15m )

23 febbraio 2011

L’Eredità di Eszter –  Sando Marai   ( 2h 38m )

26 febbraio 2011

Sonno Profondo –  Banana Yoshimoto   ( 2h 44m )

26 febbraio 2011

Notturni –  Kazuo Ishiguro  ( 4h 15m )

27 febbraio 2011

Nel Paese dei Ciechi –  H. G. Wells

Lascia un commento

Archiviato in libri, riepilogo letture

L’Eredità Di Eszter – Sandor Marai

Sandor Marai lo conoscevo dalla lettura de Le braci e anche in quest’altro suo libro sono presenti alcune sue caratteristiche riconoscibili.

Il tono minore, l’atmosfera della sconfitta e la sensazione di una vita ormai passata senza aver prodotto grandi emozioni.

Tutto questo è presente ne L’eredità di Eszter, ma non solo.

In realtà tutto ciò costituisce solamente la colonna sonora del libro; la storia invece proietta il lettore lungo una serie di emozioni che lo portano a schierarsi per la Eszter che da protagonista racconta al passato quella che è stata la sua vicenda personale.

E’ proprio la diversa sensibilità di ogni lettore a fare in modo che le riflessioni della protagonista vengano interpretate e vissute in modo individuale.

Ne risulta un romanzo che ciascuno può raccontare in maniera più o meno diversa. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri