Archivi tag: letture 2015

Undici Solitudini – Richard Yates

Richard Yates. contemporaneo ed amico di Carver, condivide con lui molto: dall’amore per le storie di realismo quotidiano, alla forma letteraria del racconto, dalla dedizione all’alcool, ad una vita difficile e ben poco agiata.

Tornato dalla guerra con una lieve forma di tubercolosi, finisce per passare diverso tempo in sanatorio, per poi attraversare, una volta dimesso, tutte le fasi classiche della decadenza del poeta romantico.

Si sposa, diventa padre, scrive, riceve rifiuti, ha problemi economici, cominciano dissapori coniugali, eccetera, eccetera.

In poche parole inizia la sua personale discesa verso un baratro esistenziale che cerca di descrivere nelle sue storie ricche di contenuti autobiografici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2015

Annata 2015

40 titoli  –  249h 25m

Dicembre  (  4  titoli  –  35h 06m  )

Da dove sto chiamando

Raymond Carver

****

31 dicembre 2015

10h 10m

The White Album

Joan Didion

****

20 dicembre 2015

6h 46m

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, riepilogo letture, self tracking

America Oggi – Raymond Carver

america oggiLa prefazione di Chiara Valerio, con il suo richiamo ai frammenti di vita intercettati sugli autobus e poi improvvisamente interrotti ad una fermata, è la spiegazione perfetta di ciò che ci aspetta aprendo un libro di racconti di Raymond Carver.
L’analogia calza a pennello perché l’episodio captato di sfuggita tra una fermata e l’altra, rivela una situazione che in sé può essere insignificante, qualora la cosa finisca lì, ma spesso accade che la vera sostanza sia nel non udito.
Infatti quelle poche parole innescano un immaginario che porta ciascuno di noi, dunque ciascun lettore, a visualizzare un mondo in parte uguale, in parte diverso, a seconda delle sensibilità e delle esperienze personali.
Si tratta della sostanza del pensiero minimalista che in realtà racchiude la chiave nascosta, ma non troppo, che apre ad un contenuto enorme.
È il mondo nel quale viviamo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

L’uomo temporaneo – Simone Perotti

un_uomo_temporaneoC’è una sensazione che si prova una volta cominciata la lettura dell’ultimo romanzo di Simone Perotti, l’autore del conosciuto Adesso basta!

Gregorio, impiegato in una multinazionale, viene prima sospeso e poi privato della scrivania, dell’ufficio e della mansione.

Accade anche a molti altri in quell’azienda, ma la reazione che ha Gregorio è unica.

Dopo qualche giorno di smarrimento e di inattività passato a gironzolare per uffici e piani mai visitati prima, Gregorio intraprende quasi senza rendersene conto una nuova attività fatta di consigli, piccoli aiuti ed osservazioni più generali circa l’organizzazione del lavoro aziendale, che dal suo nuovo punto di osservazione pare quasi asettica.

E’ in qui, in questo preciso momento, che nel lettore si innesca quell’empatia che porta ad immaginare come sarebbe differente una normale routine lavorativa se alcune delle cose che Gregorio mette in pratica venissero applicate normalmente in tutti gli uffici.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Sottomissione – Michel Houellebecq

imageIl romanzo Sottomissione di Michel Houellebecq è stato oggetto di un grande dibattito in Francia durante i primi mesi di questo 2015.

Uscito pochi giorni prima degli attentati di Parigi, il racconto dell’autore de Le particelle elementari descrive una ipotetica realtà francese del prossimo futuro.

L’opera è di difficile interpretazione, non tanto per i concetti o la tipologia di scrittura, quanto per i contenuti politico sociali delle vicende raccontate.

Si può essere portati a personalizzare la lettura forse più del dovuto, specie alla luce di quanto accaduto nella realtà.

I rischi di un coinvolgimento troppo marcato, ad esempio per una chiave di lettura prettamente politica, oppure una immedesimazione negli stati d’animo del protagonista con tutti i suoi aspetti positivi e negativi, oppure ancora nell’analisi dei rapporti uomo-donna che lascerebbero aperto un grande dibattito, sono presenti durante tutto lo scorrere delle pagine. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Diari della Bicicletta – David Byrne

diari della biciclettaQuando ho comperato il libro di David Byrne mi aspettavo qualcosa di legato alla bicicletta in termini differenti da ciò che poi ho trovato leggendolo.

Ne avevo sentito parlare in una trasmissione radiofonica e la mia idea era quella di una sorta di viaggio su due ruote nel quale filosofia di vita e consigli pratici la facessero da padrone.

Invece Diari della bicicletta si è rivelato cosa piuttosto diversa.

In primis il racconto di Byrne riguardo alle proprie escursioni non è molto coinvolgente: spesso si limita ad elencare quali tragitti compie e cosa incontra sul cammino senza però risultare appassionante. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Meno di Zero – Bret Easton Ellis

meno di zeroPer raccontare un libro di Bret Easton Ellis occorre come prima cosa allontanarsene e parlare della California e del cosiddetto sogno californiano.

Per decenni si è parlato di questo sogno accostando un’idea ad un territorio.

Mare, sole, caldo, bella gente, divertimento, lusso, eccetera eccetera.

È quella California di Baywatch e di Hollywood, con tutto ciò che rappresentano, che ancora oggi per molti americani costituisce un sogno.

L’idea che possa trasformarsi in una chimera, prende piede ultimamente grazie ad alcuni elementi che tentano di fare vedere anche altri aspetti dello stesso territorio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

L’Arte Occidentale della Guerra – Victor David Hanson

l'arte occidentale della guerraParlando di arte della guerra, in particolare quelle ai tempi della Grecia classica, la letteratura moderna ha sempre incentrato l’attenzione sulle campagne, le tattiche, le dimensioni delle forze in campo; a volte perfino sui discorsi dei generali prima della battaglia.

Grazie al lavoro di numerosi storici, abbiamo appreso molti particolari circa gli armamenti, l’addestramento, i movimenti e le strategie militari.

Tuttavia, spesso e volentieri, il loro punto di vista risulta in qualche modo distante dalla realtà, come se fossero sospesi in una mongolfiera al di sopra del massacro, con un atteggiamento anche distaccato rispetto al destino degli individui disperati sottostanti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri