Archivi tag: la voce invisibile del vento

Entra nella mia Vita – Clara Sanchez

entra nella mia vitaIn genere quando il libro di esordio di un autore piace, succede che l’uscita di una sua seconda opera susciti curiosità ed aspettative.

Ecco allora che non appena avviene l’uscita del nuovo libro, subito lo si cerca di leggere per vedere se il livello di soddisfazione viene confermato o meno.

Può capitare di avere una seconda opinione positiva ed è così che si diventa lettori affezionati; oppure può essere che il secondo libro non sia riuscito a soddisfare le aspettative che il primo aveva creato.

In entrambi i casi è facile che nascano i presupposti per proseguire poi anche con la terza opera.

Infatti è con il terzo libro che c’è il vero bivio: il lettore si può riavvicinare all’autore oppure può prenderne le distanze in maniera netta.

Nel mio caso l’esperienza di lettura con Clara Sanchez sta andando verso un distacco certamente non definitivo, ma importante.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2012

Annata 2012

73 titoli  –  383h 46m

Dicembre   (  10 titoli  –  46h 53m  )

marty feldman

Marty Feldman

Robert Ross

***  commento

31 dicembre 2012

11h 06m

miele

Miele

Ian McEwan

****  commento

26 dicembre 2012

9h 52m

storia di un gatto e del topo che diventò suo amico

Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico

Luis Sepulveda

***

19 dicembre 2012

0h 30m Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

La Voce Invisibile Del Vento – Clara Sanchez

Dopo l’avvincente Il profumo delle foglie di limone, La voce invisibile del vento è il secondo libro che ho avuto modo di leggere di Clara Sanchez.

Nella parte iniziale ci sono diverse cose che possono apparire ambigue se si legge la storia in maniera superficiale.

Julia, la protagonista, sembra avere un comportamento non del tutto razionale, specie in certi momenti, mentre il marito Felix sembra l’uomo più razionale del mondo.

Ad esempio Julia, nelle fasi iniziali del libro, decide di non fornire all’impiegata della stazione di polizia tutti i dettagli sulla situazione che le sta complicando le cose, quasi ne provasse vergogna.

Eppure pochi minuti dopo essere uscita dall’edificio eccola muoversi in cerca di una filiale della banca dove intende entrare e spiegare a chi di dovere quanto le è successo per ricevere aiuto.

Tutto ciò in un primo monento può apparire contraddittorio.

Se però si entra più nel profondo e si riesce ad immedesimarsi in lei, ecco che il suo comportamento non appare più così irrazionale perchè in situazioni di stress molto forte ci può stare un modo di agire non del tutto razionale fatto di decisioni e cambiamenti improvvisi.

Come sempre l’immedesimazione da parte del lettore fa la differenza; ecco perchè bisognerebbe sempre leggere con attenzione. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri