Archivi tag: jon krakauer

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2008

Annata 2008

72 titoli

Dicembre   (  7  titoli  )

nelle terre estremeNelle terre estreme

Jon Krakauer

*****

30 dicembre 2008

.


posizioni compromettentiPosizioni compromettenti

Susan Isaacs

***

27 dicembre 2008

.

l'uccello che girava le viti del mondo

L’uccello che girava le viti del mondo

Haruki Murakami

****

26 dicembre 2008

.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2011

Annata 2011

64 titoli  –  365 h 59m

Dicembre   (  5 titoli  –  24h 54m  )

stella distanteStella distante

Roberto Bolano

**** 

29 dicembre 2011

4h 10m

tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Giorgio Faletti

***   commento

25 dicembre 2011

2h 37m

timbuctuTimbuctu

Paul Auster

****

22 dicembre 2011

3h 45m Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Letture Luglio 2011

02 luglio 2011

Gotico Americano   –  William Gaddis  ( 8h 31m )

09 luglio 2011

La Fine Della Strada  –  John Barth  ( 5h 53m )

16 luglio 2011

Un Romagnolo Sul Cammino Di Santiago De Compostela  – Luigi Manara  ( 1h 58m )

17 luglio 2011

In Un Milione Di Piccoli Pezzi  –  James Frey  ( 12h 01m )

24 luglio 2011

Aria Sottile   –  Jon Krakauer  ( 8h 49m )

29 luglio 2011

Firmino   –  Sam Savage  ( 4h 41m )

Lascia un commento

Archiviato in libri, riepilogo letture

Aria Sottile – Jon Krakauer

Per veri appassionati del genere; tutta la parte iniziale sembra una lunga preparazione alla tragedia.

Dopo tutto il libro esiste per questo: una lunga e dettagliata cronaca che deve raccontare quanto accaduto sulla vetta del mondo alcuni anni fa.

A volte però, nonostante si sia consapevoli del finale, capita di isolarsi un attimo e di ritrovarsi immersi in paesaggi da sogno con il cuore pieno di adrenalina al solo pensiero della scalata.

Sembra quasi di essere sul posto e fare parte della spedizione.

Ci si prepara pensando all’altitudine e a quel punto così alto che incute tanto rispetto.

Poi improvvisamente si emerge da quest’atmosfera sognante e ci si rende conto di essere alle prese con il racconto di un sopravvissuto e tutto diventa pesante ed angoscioso.

E’ la quiete prima di una tempesta che sappiamo non risparmierà molte persone.

Ecco allora che la lettura torna attenta, lenta e quasi speranzosa in un finale diverso dalla cruda cronaca. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri