Archivi tag: dan brown

Inferno – Dan Brown

infernoHo trovato quest’ultimo libro di Dan Brown interessante e sotto diversi aspetti degno di nota.

Il genere devo dire non è tra quelli che mi appassionano maggiormente, non più oramai. Quindici o venti anni fa le cose sarebbero state differenti e l’intrigo, il ritmo e i repentini colpi di scena mi avrebbero acceso molto più di oggi che tendo a non sorvolare su alcuni aspetti seppur probabilmente non fondamentali.

Inferno si inserisce con decisione tra le opere dello scrittore americano e a mio parere è migliore del suo lavoro precedente Il simbolo perduto.

La parte che fa da contorno a tutta la vicenda, ossia le lezioni di storia dell’arte che Robert Langdon ed alcuni degli altri protagonisti tengono al lettore, è senza dubbio quella da me preferita: fermarsi ad ogni accenno artistico-letterario per individuare un luogo o un’immagine su internet, di sicuro rallenta la lettura, ma certamente fornisce nozioni che rendono la vicenda perfino più appassionante di quanto non lo fosse già prima.

Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2009

Annata 2009

83 titoli

Dicembre   (  7 titoli  )

invisible monstersInvisible monsters

Chuck Palahniuk

***  commento

27 dicembre 2010

.

il mugnaio urlante

Il mugnaio urlante

Arto Paasilinna

*****  commento

26 dicembre 2009

.

indignazione

Indignazione

Philip Roth

****  commento

20 dicembre 2009

.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Io Confesso – John Grisham

Leggere John Grisham è come tornare a casa dopo una giornata di lavoro, sai già, prima ancora di metterti in viaggio, cosa ti aspetta.

Poche sorprese insomma, ma non necessariamente ciò comporta un giudizio negativo.

Se piace lo stile e piace il genere, allora un nuovo libro di Grisham costituisce il porto sicuro dove passare qualche ora in relax vivendo un’avventura e ricaricando le batterie in previsione di letture più impegnative.

Un po’ come un appassionato di cinema d’essai che ogni tanto si guarda un thriller senza impegno.

La struttura è all’incirca sempre la stessa: una parte di presentazione con una situazione già in corso, l’apertura contemporanea di alcuni scenari diversi che poi finiscono col confluire, i vari retroscena e a seguire, dopo aver chiarito e raggruppato tutti i vari aspetti, una narrazione che prosegue con vari colpi di scena.

Capita che alcuni di essi siano attesi, specie quando la storia sembra essere giunta al termine e mancano ancora tante troppe pagine, mentre altre volte risultino imprevedibili, lasciando aperte le porte a sviluppi che possono essere sia positivi che negativi a seconda del caso.

Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

La Caduta dei Giganti – Ken Follett

Lo schema è quello del romanzo storico e il racconto avviene portando avanti in modo parallelo le vicende di diversi personaggi.

Una serie di personaggi legati tra loro costituisce la colonna portante dell’opera ed è attraverso la narrazione delle loro vicende private e professionali che viene illustrato il processo storico del secolo scorso.

In partenza gli scenari sono almeno tre: c’è la periferia di Cardiff in Inghilterra con la sua miniera di carbone che consente la descrizione delle condizioni di vita della plebe inglese e in contrapposizione c’è la realtà quotidiana della vita nella residenza di campagna del nobile Fitz, padrone di tutto il territorio circostante. membro della Camera di Lord e marito della principessa russa Bea.

Le origini di Bea consento di aprire uno scenario proprio in Russia, per la precisione a San Pietroburgo, dove le condizioni degli operai e la vita in generale sono peggiori di quelle dei minatori inglesi.

Siamo all’inizio del ventesimo secolo e cominciano le rivendicazioni sindacali e gli scioperi dei lavoratori in contrapposizione alle prepotenze dei padroni con l’inevitabile prova di forza tra le parti. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in libri, recensioni libri

Il Simbolo Perduto – Dan Brown

Il simbolo perdutoIl commento a questo libro deve forzatamente dividersi secondo due aspetti.
Il primo riguarda la tipologia del racconto, il secondo le modalità della scrittura e il contesto della vicenda.
Parlarne è esattamente come cercare di commentare un film della saga di Indiana Jones, dipende dalle aspettative che si hanno e da come ne si affronta la lettura.
La vicenda è strapiena di colpi di scena, di azione, di salvataggi in extremis, nonché di citazioni ed interpretazioni di opere d’arte. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Il Simbolo Perduto – Dan Brown (propositi di lettura)

dan_brownLa nostra cara amica Mondadori (eh sì…proprio quella del Lodo…) sta pubblicizzando da tempo l’uscita del l’ultimo lavoro di Dan Brown. Dopo i successi di alcune delle sue opere precedenti c’è attesa per “Il simbolo perduto” in uscita tra qualche giorno.

Come abbiamo visto già tante e troppe volte, i media creano e cavalcano personaggi a iosa, con il falso intento di fornire un servizio per il pubblico. Per carità, qualcuno lo fa anche in buona fede non dubito di questo, però resta il fatto che alimentando polemiche a mio avviso artificiali, si raggiungono due obiettivi: una grande audience e si pubblicizza un prodotto di mercato. Con tutti gli annessi e connessi del caso. Un’analisi attenta di chi pubblicizza chi, sarebbe quantomeno interessante. Ma torniamo al nuovo libro. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in libri