Archivi tag: cormac mccarthy

Books & Drinks: Cormac McCarthy – Meridiano di sangue

Cormac McCarthy - Meridiano di sangue & Corona Extra

*

BOOK:

Meridiano di sangue – Cormac McCarthy

DRINK:

Birra Corona Extra

BOOKMARK:

McCarthy Cormac – Meridiano di sangue

ALL BOOKMARKS

Annunci

3 commenti

Archiviato in books & drinks

Il guardiano del frutteto – Cormac McCarthy

il guardiano del fruttetoIl guardiano del frutteto è il primo lavoro del romanziere Cormac McCarthy.

Pubblicata nel 1965 quest’opera delinea fin da subito quelle che saranno le caratteristiche principali dell’autore americano:

una scrittura affascinante anche se non propriamente scorrevole, il racconto di un mondo povero in cui gli uomini vivono di espedienti, personaggi crudi e sostanziali ai quali difficilmente il lettore riesce ad affezionarsi, pochi scrupoli e poche smancerie, ma tuttavia un senso di dignità sempre presente.

Il romanzo è ambientato nei primi anni trenta in piena depressione e le persone tirano a sbarcare il lunario facendo quel poco che possa consentire loro di portare a termine giornate nate senza prospettiva.

C’è il trasportatore clandestino di whisky, c’è il bar pieno di uomini annoiati, c’è la natura difficile non solamente per le condizioni climatiche, c’è il vecchio solitario con il suo segugio ormai altrettanto vecchio.

C’è sostanzialmente un clima che potrebbe essere rappresentato con tonalità minori, con immagini in bianco e nero e con una colonna sonora strumentale lenta e malinconica.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2007

Annata 2007

41 titoli

Dicembre   (  5 titoli  )

in ascoltoIn ascolto

Hanna Merker

***

29 dicembre 2007

.

lo scafandro e la farfalla

Lo scafandro e la farfalla

Jean-Dominique Bauby

***

29 dicembre 2007

*

il professionista

Il professionista

John Grisham

****

22 dicembre 2007

*

* Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Vita da Lettore – Una storia felice…riepilogo letture 2010

Annata 2010

71 titoli

Dicembre   ( 4 titoli  )

frankensteinFrankenstein

Mary Shelley

****  commento

31 dicembre 2010

.

la caffettiera del masochista

La caffettiera del masochista

Donald A. Norman

****  commento

23 dicembre 2010

.

appunti di un venditore di donneAppunti di un venditore di donne

Giorgio Faletti

****  commento

17 dicembre 2010

.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri, riepilogo letture, self tracking, vita

Letture Luglio 2010

04  luglio 2010

Il Vangelo secondo Gesù Cristo –  José Saramago

08  luglio 2010

Cosa voglio da Te –  Tiziano Scarpa

13  luglio 2010

Il Fantasma esce di Scena –  Philip Roth

25  luglio 2010

Suttree –  Cormac McCarthy

Lascia un commento

Archiviato in libri, riepilogo letture

Suttree – Cormac McCarthy

Suttree è da molti considerato il libro per eccellenza di McCarthy, quello nel quale l’autore americano è riuscito ad esprimersi nella maniera più completa.

Cormac McCarthy non è stato un autore precoce né tantomeno prolifico: il suo primo romanzo Il guardiano del frutteto è stato pubblicato nel 1965 quando l’autore aveva già 32 anni e ad oggi si può contare non più di una decina di opere.

Suttree è la sua quarta opera ed arriva quando McCarthy sta ormai viaggiando verso i cinquanta.

In effetti deve avere speso in questo romanzo molte delle proprie risorse, perché dovranno passare altri 6 anni per vedere pubblicato il suo lavoro successivo.

Il romanzo si può definire un classico della letteratura americana del novecento. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Letture Maggio 2010

01  maggio 2010

Se Solo Fosse Vero –  Marc Levy

08  maggio 2010

Lettera A Berlino –  Ian McEwan

13 maggio 2010

Io & Shira –  Gianluca Ratta

22  maggio 2010

La Strada –  Cormac McCarthy

29  maggio 2010

Racconti Dell’Età Del Rap –  Alessio Pracanica

30  maggio 2010

La Baia Dei Pirati –  Luca Neri

Lascia un commento

Archiviato in libri, riepilogo letture

La Strada – Cormac McCarthy

Uno dei libri più diffusi, più segnalati e forse anche più letti…almeno tra gli amanti di un certo genere.

Quasi inutile raccontarne la trama; il libro parla ben poco dell’antefatto e ancor meno di quanto accadrà in futuro.

Quello che viene descritto è il rapporto tra i due protagonisti, padre e figlio, e il loro peregrinare alla ricerca della loro terra promessa: l’incontro con altri “buoni”.

Il tutto avviene in un clima di distruzione e di devastazione dove ogni momento che passa, ogni metro percorso, può nascondere l’orrore e la follia.

La tenacia è la forza che li spinge ad andare avanti cercando di non lasciare cadere quel bricolo di speranza che ancora rimane loro.

Il libro, la cui uscita penso risalga al 2006, raccoglie varie situazioni che mi hanno riportato alla memoria spezzoni del film “Zombie” di Romero come la ricerca tra gli scaffali del centro commerciale, oppure “L’Ombra dello Scorpione” di King, dove i pochi sopravvissuti ad un’epidemia si ritrovano isolati e muovendosi verso il punto di un eventuale ritrovo, si ingegnano per ricavare ciò di cui hanno bisogno.

Andando più indietro nel tempo anche la serie “I Sopravvissuti” potrebbe essere citata come eventuale fonte comune.

La differenza sostanziale che questo libro presenta rispetto agli esempi che ho ricordato è data dall’atmosfera che si respira.

Nei casi citati c’era un nemico da combattere oppure una catastrofe da superare, ragion per cui una volta passato il momento dello shock bisognava rimboccarsi le maniche per ripartire e lì aveva inizio la vicenda.

In questo libro invece, lo shock ha la durata dell’intera narrazione.

Non c’è mai un attimo di tranquillità, i pochi momenti con calo di tensione rappresentano l’eccezione; l’uomo protagonista è sempre perfettamente consapevole di questo: sa che da un momento all’altro si può presentare un pericolo mortale; tuttavia sa anche che l’unica speranza che hanno è quella di incontrare qualcuno come loro.

Le due figure non hanno nome, sono semplicemente il padre e il figlio oppure l’uomo e il bambino.

Il film basato su questa storia è appena uscito nelle sale.

E’ molto fedele alla trama del libro, sono presenti solo alcune piccole aggiunte che non spostano più di tanto, perciò direi che la pesante atmosfera che si respira leggendo è stata resa in modo discretamente fedele e rende il film consigliabile anche a chi ha già letto il libro.

A differenza di molti altri casi, a mio parere si tratta di una buona trasposizione dalla carta al grande schermo.

Insomma una storia da leggere più che da raccontare, un libro dove gli amanti della tensione troveranno diversi aspetti di loro gusto.

Un libro ignorante.

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri