Archivi tag: autori cileni

La Foresta dei Pigmei – Isabel Allende

la foresta dei pigmeiLa lettura di un libro di Isabel Allende dopo tanto tempo, è stato un tentativo personale di entrare in quella atmosfera spirituale e a volte surreale tipica di molti autori sudamericani, che non sempre mi riesce.

La foresta dei pigmei era lì in attesa di lettura da diversi anni e qualche giorno fa una piccola coincidenza me lo ha fatto scegliere tra tutti gli altri.

Spesso per entrare nell’atmosfera creata dall’autore, è necessario cogliere anche quegli aspetti non indicati in modo esplicito, in maniera tale da non rimanere troppo legati al racconto vero e proprio, ma essere trascinati in un clima di livello diverso.

Ebbene, se a volte questa esperienza mi è riuscita con qualche altro autore, in questo caso la mia interpretazione della lettura è rimasta fin troppo inchiodata sul concreto delle vicende raccontate.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Il mondo alla fine del mondo – Luis Sepulveda

il mondo alla fine del mondoDopo aver letto il suo ultimo libro intitolato Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico ho deciso di tornare ad un Luis Sepulveda più classico e più affine ai miei gusti.

Lo scrittore cileno alterna infatti almeno un paio di generi letterari: quello più fiabesco ed incline al bene finale con tanto di “…e vissero felici e contenti” e quello più crudo legato alla cronaca, quasi una sorta di denuncia letteraria, un metodo per contrastare le forze del male che possono essere identificate in tutto ciò che risponde ad interessi economici a discapito di popolazioni meno sviluppate, ambiente, ecc. ecc.

Non che quello appena definito, forse impropriamente, genere fiabesco non abbia chiavi di lettura più profonde, però una differenziazione di generi direi che ci può stare: Il vecchio che leggeva romanzi d’amore non si può abbinare con Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare e nella mia libreria giacciono ancora alcuni titoli come Le rose di Atacama, La frontiera scomparsa e Diario di un killer sentimentale che penso soddisferanno le mie attese.

In questo Il mondo alla fine del mondo Sepulveda  veste i panni di un giornalista proiettato in una crudele lotta per la sopravvivenza grazie ad agganci con l’organizzazione Greenpeace.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri