Steve McCurry – Icons and Women

Icons and Women - Steve McCurry La mostra Icons and Women che si tiene ai Musei di San Domenico a Forlì su Steve McCurry vale la pena di essere visitata perché regala spettacolo ed emozioni.

Sguardi, colori, atmosfera colpiscono e fanno compagnia al visitatore per molto tempo anche dopo il suo ritorno a casa.

La mostra è caratterizzata da due sezioni ben distinte; fin da subito si entra nel contesto grazie ad alcune stanze buie dove solamente le fotografie, di grande o grandissimo formato, sono illuminate.

E’ questa la maniera ideale per fare risaltare quei colori così accesi che distinguono le fotografie di McCurry.

Ed è questo il cuore della sezione Women dove le protagoniste sono appunto le donne.

Giovani e meno giovani, famose o sconosciute, quasi tutte le donne di McCurry ti guardano dritto negli occhi trasmettendo fierezza o distacco e comunque attirando il visitatore con qualcosa di ipnotico che costringe a fermarsi.

Le ambientazioni sono le più diverse e una comoda audioguida consente di venire a conoscenza dei piccoli retroscena che hanno portato a molti degli scatti esposti.

Giungendo verso la metà della mostra, si incontra una stanza che fa da spartiacque.copia 2015-12-11 12.23.53

E’ lì che al centro, appese ad una tenda circolare, si trovano almeno una trentina di altre immagini fantastiche, questa volta di piccole dimensioni.

Ed e lì che una volta entrati non si sa bene dove guardare, tanti sono i colori, le diverse situazioni e, in certi momenti, anche le persone che ci si ritrova attorno.

Nessun probcopia 2015-12-11 12.27.07lema, anzì è proprio in questi casi che entrare ed uscire più volte un certo spazio, consente di notare ogni volta cose differenti, come ad esempio la foto di Auschwitz lassù in alto, quella rossa galleria laggiù in basso, la grande pietra in bilico oggetto di devozione, o ancora l’uomo che corre assieme all’ombra grande il doppio di lui.copia 2015-12-11 12.24.38

Vale la pena soffermarsi per qualche minuto in più in questo luogo anche perchè nell’angolo della stanza è possibile vedere un filmato dove l’autore spiega alcune delle regole che segue lavorando.

Questo breve video, assieme alle informazioni che si ascoltano con l’audioguida, forniscono un quadro del personaggio che lo fa sentire molto vicino.

Mai arrogante o pieno di sé neppure quando spiega i vari scatti più famosi, è lui infatti a parlare in prima persona nell’audioguida, il verbo che forse utilizza di più è piacere:

– ho fatto questo scatto perchè mi piaceva quella luce, ho fatto quell’altro perchè mi piaceva quel contesto; questo cavallo mi ha dato il movimento che cercavo e quella foto mi piace molto, ecc. ecc.

Mai parla di esistenzialismo o di simbolismo e mai si pone al di sopra di chi sta guardando mettendosi a filosofare sul significato intrinseco di un’immagine, come spesso invece accade a molti quando si parla di arte o di letteratura.

No, Steve McCurry appare e si racconta come uno di noi, con le sue passioni e le sue regole; sostanzialmente dice di fare ciò che piace, ma cercare di farlo molto molto bene.

Poi si prosegue la visita e si entra in un lungo corridoio che dà inizio alla sezione Icons.

Questa parte è più simbolica e meno ritrattistica.

Si va dalle donne copia 2015-12-11 12.57.44che piangono sulla tomba dei cari uccisi in bombardamento, ai ragazzi stipati nel baule di un’auto, dai bambini che giocano aggrappati ad un cannone sopra a numerosi proiettili inesplosi, al giovane che vende arance utiizzando una vecchia auto della polizia come banco della frutta.copia 2015-12-11 12.59.41

Si termina con alcune immagini dell’11 settembre e del terremoto del Giappone e si viene salutati, si fa per dire, dall’occhio rosso di un cormorano immerso nel petrolio ai tempi della prima guerra del Golfo.

Immagini alternate di speranza e desolazione.

copia 2015-12-11 13.04.09

Si salgono alcuni gradini e si entra in un altro mondo ancora, dove le immagini spaziano tra i ritratti fissi appesi nel perimetro e le situazioni in movimento disposte in sequenza nella parte centrale della sala.copia 2015-12-11 13.28.06

I monaci tibetanicopia 2015-12-11 13.22.12, i pescatori, l’uomo con l’acqua alla gola che porta in salvo la sua arrugginita macchina da cucire, i bambini che giocano a calcio nell’acqua.

Un’altra sequenza delle foto più famose di McCurry.

copia 2015-12-11 13.31.41

La mostra termina con l’arrivo nella stanza finale dove sono esposte le fotografie di Sharbat Gula del 1984 e quella scattata dopo il suo ritrovamento ben 17 anni dopo.

Un documentario di poco meno di mezz’ora racconta infine la storia della ricerca e del ritrovamento della ragazza con gli occhi verdi che ha reso Steve McCurry uno dei fotografi più conoscouti nel mondo.

Tutto molto interessante.

La visita richiede un biglietto di ingresso del costo di 11€ e necessita di almeno 3 ore per essere gustata con calma.

Le foto sono concesse a patto che non si faccia uso del flash.

 

Lascia un commento

Archiviato in foto, mostra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...