Il Corpo Umano – Paolo Giordano

Succede che verso la metà di ottobre del 2012 Mondadori fa uscire il secondo libro di Paolo Giordano, quello che aveva vinto il premio Strega qualche anno fa.

Bene, che problema c’è? dico io. Nessuno, mi rispondo. Solamente un altro titolo nelle librerie e un’altra copertina di uno scrittore legato ad una grande casa editrice e che dunque troverò esposta in bella vista nelle vetrine di tutte le librerie, almeno per un mese o forse anche qualcosa di più.

Una possibilità in più, da considerare o da ignorare.

Invece, come spesso accade in questi casi, mi capita di leggere crociate contro le grandi case editrici, contro i loro proprietari e controllori, contro i criteri di scelta delle opere da pubblicare, insomma contro il sistema in generale.

Come se boicottare il libro di uno scrittore avesse un gran senso, bah.

La mia idea di lotta e di trasformazione della società passa attraverso vie molto diverse, in primis una elevata partecipazione e un coinvolgimento in prima persona in special modo da parte di chi si lamenta e mette tutti sullo stesso piano.

Chi si disinteressa delle cose che accadono ne diventa responsabile, almeno in parte.

Fine della chiosa, che dal mio punto di vista era doverosa, in quanto la decisione di leggere in tempi brevi Il corpo umano di Paolo Giordano è dipesa in buona parte dalle polemiche che mi è capitato di leggere proprio su aNobii, il social network dedicato ai libri.

Lo avrei fatto comunque, magari più avanti, ma ho deciso come dire, di battere il ferro finché è caldo proprio per dire la mia sui contenuti più che sulla forma.

Andiamo al libro allora.

Dopo una parte iniziale sostanzialmente introduttiva, il pensiero che arriva improvviso, quasi fosse un avvertimento, è che qua c’è poco da scherzare.

Per capire di cosa stiamo parlando basta seguire le notizie che giungono dall’Afghanistan e che raccontano quale sia la situazione reale che si vive in quelle zone e nel Gulistan in particolare.

Il racconto di Paolo Giordano riesce a fornirne perlomeno un’idea.

Il disagio, le incertezze quotidiane, il senso prima di superiorità e poi di frustrazione ed impotenza, sono ben rappresentati nel romanzo e passano dalla carta del libro alla mente del lettore in maniera diretta.

In alcuni momenti la tensione che si respira riga dopo riga è la stessa che si può provare nella sala buia e silenziosa di un cinema quando sullo schermo passano le immagini di una missione pericolosa.

Personalmente, leggendo le parti più movimentate di questo libro, ho ritrovato le sensazioni provate durante la visione di Lebanon, il film vincitore del Leone d’Oro a Venezia nel 2009, con in più il fatto che il lento scorrere delle pagine, rispetto alla scena seppur decantata e rallentata di un film, accresce la tensione minuto dopo minuto.

Un libro insomma, se parliamo di un certo tipo di emozioni, coinvolge ben più di un film.

Il corpo umano riesce in questo.

Altra nota positiva è il fatto di aver portato un poco di attenzione sulla vicenda Afghanistan, e più in generale sulle missioni militari all’estero, concentrando però il dibattito sulle condizioni materiali e soprattutto psicologiche dei soldati, prevalentemente ragazzi, che le portano avanti.

Anche in questo caso succede che le discussioni siano sempre sulla parte politica con scontri ideologici e rivalse di partito; quasi mai si analizzano in profondità le situazioni.

Allora questo libro di Paolo Giordano può tornare utile per riuscire in parte a ricreare un contesto mentale quando capita di ascoltare una ultim’ora al telegiornale.

Più in generale il romanzo accompagna alcuni dei protagonisti attraverso una trasformazione interiore che per molti è la stessa, anche se non per tutti.

La passione e i sogni dell’adolescenza a cui fanno seguito l’esuberanza giovanile dovuta alla forza e alla determinazione, poi un travaglio interiore più o meno lungo dovuto ad avvenimenti esterni e fuori dal proprio controllo, infine un ritorno alla condizione umana più normale e più complessa allo stesso tempo, con incertezze che tornano o arrivano per la prima volta e un sacco di domande che trovano risponde sempre meno definitive.

Un libro che mi è piaciuto e che, pur avendomi fatto compagnia solamente per qualche giorno, mi ha anche acceso una serie di curiosità che cercherò di soddisfare attraverso alcune ricerche.

Ovviamente da ora in poi il suono delle parole Afghanistan, Gulistan, contingente militare, missioni all’estero, ma anche Lince, convoglio e perché no, perfino gregge di pecore, accenderanno una lampadina nella mente che illuminerà certe cose.

Tempo di lettura: 6h 06m

2 commenti

Archiviato in libri, recensioni libri

2 risposte a “Il Corpo Umano – Paolo Giordano

  1. 1-Paolo Giordano non è uno scrittore ma un fenomeno letterario
    2-Cosa rimane dopo la lettura? I fratelle Karamazov, L’idiota, I Miserabili, Guerra e Pace, Madame Bovary… (tutti in ed. tascabile anni 70 perchè erano libri poveri ma democratici) li ho pieni di appunti e di sottolineature e li consulto spesso perchè mi servono per vivere.
    3-Ho poco tempo per cui non leggo Paolo Giordano, soltanto quando vado a fare la spesa sfoglio qualche pagina nel reparto libri.
    4-Cosa sottolineare in Paolo Giordano?
    5-Probabilmente scrivi meglio tu o altri blogger che leggo in rete, la verità è che se non si entra in determinati meccanismi o si è fortunati, nessuno ti leggerà mai (a parte uno sfigato come me)
    6-Capitolo Italia; il paese dei sopravvalutati. Soprattutto oggi sono tutti geni, nel cinema, nell’arte nella letteratura. E’ un genio Virzì, è un genio Ozpetek, è un genio M. Mazzantini, è un attore il figlio, è un’attrice Ambra Angiolini etc etc etc etc etc et c
    7-etc etc etc etc etc etc etc

    • ste

      Cosa fa’ di un paroliere uno scrittore più di un pubblico appassionato?!?! Se Giordano è un fenomeno letterario lo è grazie ai lettori che lo seguono e apprezzano e questo perché evidentemente almeno a loro, se non a te, è riuscito a dare/comunicare qualcosa. Sono loro a comprare e leggere i suoi libri e di certo non lo fanno per il marchio della casa editrice sulla copertina! Tu parli di Tolstoj, Dostoevskij, Hugo e su questo siamo d’accordo,,, Giordano di certo non è nemmeno lontanamente comparabile a loro, ma guarda il panorama letterario contemporaneo italiano: chi lo è?!?!? La Mazzantini forse???
      Nell’epoca della crisi del libro, invoglia a leggere, emoziona, fa’ riflettere. I libri non devono per forza “insegnare a vivere”, basta che svaghino la mente e il cuore. Dopo la lettura rimane la piacevolissima sensazione di aver passato anche solo qualche minuto in una “realtà” che non è la nostra, soffrendo e lottando con e per protagonisti che non siamo noi e… scusami se è poco!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...