The Black Heart Procession – Bologna 25 maggio 2011

Bella serata quella svoltasi ieri sera al teatro Perla di Bologna.

Per la seconda volta sono presente a un live dei Black Heart Procession.

Un paio di anni fa andai all’Estragon sempre a Bologna per un concerto in formazione completa; questa volta invece la serata prevedeva un duo acustico con voce, piano, chitarra…e sega.

Concerto molto diverso dalla volta scorsa, certamente più intimo e melodico.

Anche l’ambiente ha fatto la propria parte: non capita spesso infatti di assistere ad un live del genere comodamente seduti.

Non tantissima la gente intervenuta; una stima del tutto personale mi fa pensare ad un cinquecento spettatori circa, cosa che però ha contribuito a mantenere un clima piuttosto confidenziale in sala.

Il genere musicale del gruppo è ormai noto agli appassionati e personalmente non mi sento all’altezza di fare una critica specializzata.

Semplicemente la musica va ascoltata e non letta.

Per quanto mi riguarda, ancora più delle parole e dei testi, quello che mi coinvolge è la sonorità in genere, sia quella della musica che quella delle parole.

E la musica dei Black Heart Procession con quel pianoforte così pieno di accordi in tonalità minore e quel ritmo cadenzato, ha tutti gli ingredienti adatti per creare un suono, un ambiente, un’atmosfera che formano un insieme davvero coinvolgente.

Una musica da ascoltare da soli e in cuffia quella del gruppo americano; solo in questo modo si apprezza completamente l’opera del gruppo nato a San Diego.

La locandina del tour recita all’incirca:

“Lento e vuoto come la tua vita o una bottiglia di whisky. Se il vostro è un rapporto maledetto oppure non avete nessuno con cui condividere i vostri dolori, non perdete i Black Heart Procession. Bisognerebbe solo trovare la persona perfetta per rovinare il resto della vostra vita.”

Ma le cose non stanno veramente in questo modo: la musica dei Black Heart Procession si può ascoltare anche senza essere depressi, anzi alcuni suoni sono talmente profondi da entrare come vibrazioni nel profondo dell’anima e creare un brivido positivo che porta a conoscere aspetti di sé che non si erano mai considerati.

Basta concentrarsi sui ritmi e sulla melodia del piano per sentire nascere la voglia di imparare a suonare quello strumento.

Certamente non è una musica di svago; non a caso il pubblico era sì piuttosto giovane, ma non giovanissimo.

Non è nemmeno una musica facile: richiede attenzione e concentrazione per essere apprezzata.

Probabilmente i ragazzi amano un tipo di musica più adatto a scatenamenti del corpo e a balli sfrenati oppure cercano solamente qualcosa di più allegro, comunque sia lo spettacolo di ieri sera è stato emozionante.

Lo show è durato poco più di un’ora e un quarto e i 21 euro della prevendita alla fine sono risultati soldi ben spesi.

17 i brani interpretati dal duo Paul Jenkins (voce, chitarra e altro) e Tobias Nathaniel (piano e chitarra).

Ecco la scaletta:

01 – The Winter My Heart Froze ( One – 1998 )

02 – Stitched To My Heart ( One – 1998 )

03 – Blue Tears ( Two – 1999 )

04 – A Cry For Love ( Amore del Tropico – 2002 )

05 – Drugs ( Six – 2009 )

06 – The Letter ( The Spell – 2006 )

07 – Till We Have to Say Goodbye ( Three – 2000 )

08 – Outside The Glass ( Two – 1999 )

09 – All My Steps ( Six – 2009 )

10 – Even Thieves Couldn’t Lie ( One – 1998 )

11 – The One Who Has Disappeared ( Amore del Tropico – 2002 )

12 – The Waiter No. 2 ( Two – 1999 )

13 – The Old Kind of Summer ( One – 1998 )

14 – Your Church Is Red ( Two – 1999 )

15 – Guess I’ll Forget You ( Three – 2000 )

16 – The Waiter ( One – 1998 )

17 – When We Reach The Hill ( Two – 1999 )

Lascia un commento

Archiviato in concerti, musica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...