Come Funzionano i Romanzi – James Wood

Il libro è un saggio che si rivolge sia agli scrittori in erba che ai lettori.

Rappresenta una sorta di viaggio multi-dimensionale all’interno del quale trovano spazio la storia della scrittura con riferimento particolare al romanzo, le tecniche dei vari scrittori, dai classici ai contemporanei, il diverso modo di descrivere dettagli, di raccontare personaggi e di utilizzare i dialoghi  da parte di ciascun autore.

Diciamo che Come funzionano i romanzi sta al Sipario di Kundera come un qualsiasi manuale della serie for dummies sta alla sua versione più tecnica e completa.

Nel senso che questo libro di James Wood è facile, comprensibile e pieno di esempi con riferimenti a moltissimi scrittori che possono andare da Tolstoj a Proust, da Sandor Marai a Flaubert, ma anche da McCarthy a Foster Wallace, da Philip Roth a Virginia Woolf, da Nabokov a Bolano, da Saramago a McEwan.

Insomma un libro non troppo tecnico e per questo più alla portata di tutti, libro nel quale vengono presi in considerazione i vari aspetti della struttura di un romanzo attraverso l’analisi dello stile di molti autori contemporanei.

Si comincia con l’analizzare il tipo di racconto, vale a dire se la storia è raccontata in prima o in terza persona e se la figura del narratore diventa protagonista oppure se ne resta in disparte lasciando ai personaggi il ruolo principale.

Attraverso numerosi esempi si analizzano casi nei quali il semplice spostamento di un aggettivo cambia il senso della frase e lascia intendere come stabilire se un giudizio o una sensazione appartenga al personaggio o al narratore.

Vengono illustrati i diversi modi di dare importanza alla descrizione dei dettagli con esempi che vanno dall’assoluto sostanziale di alcuni autori, all’eccessivo e a volte superfluo dilungarsi di altri, oppure anche alcune vie di mezzo dove viene data importanza ad un dettaglio del tutto insignificante per la storia.

L’autore spiega i diversi stili di scrittura e lo fa sempre attraverso esempi concreti e diversi tra loro.

Gli aspiranti scrittori potranno trovare in questo libro molti spunti per rendere le proprie storie più intriganti, ma soprattutto avranno nozioni tecniche per cercare di sviluppare un proprio stile di scrittura.

I lettori invece, potranno immagazzinare quelle piccole conoscenze che poi permetteranno loro di riconoscere, in qualche passaggio delle letture future, l’utilizzo dell’una o dell’altra tecnica da parte dell’autore.

Il libro è molto interessante per ciò che si propone di fare e diventa fin da subito facilmente comprensibile grazie agli innumerevoli esempi utilizzati.

Questa sua semplicità lo fa preferire ad altre opere più spiccatamente tecniche che troppo spesso cadono nell’intellettualismo spinto e finiscono con il rendersi comprensibili solo a chi non ha bisogno di leggerle.

James Wood scrive e parla degli autori, dei romanzi e dei personaggi senza dirci mai chi ha ragione e chi ha torto, senza dire chi ha fatto bene e chi ha fatto male.

Semplicemente dice tante cose, cerca di allargare il campo visivo del lettore in maniera da aprire la sua mente e la sua immaginazione.

La lettura di questo libro, con tutte le considerazioni del suo autore, porterà nuovi utili strumenti sia in qualità di scrittore che di semplice lettore.

Come funzionano i romanzi è una guida per tutti coloro che spendono parte del proprio tempo girovagando con curiosità tra scaffali di librerie e bancarelle di mercatini.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...