Le Cose Fondamentali – Tiziano Scarpa

E’ in questo il momento che ha segnato un passaggio netto nel mio stato d’animo che da malinconico è diventato rabbioso.

Questa frase e questo atteggiamento sono più ricorrenti e attuali che mai, come se il non dire nulla a nessuno in modo da non avere mai un parere contrario, fosse la panacea di tutti i problemi.

Il problema è che la gente è sempre più piena di sé e personalizza tutto, anche i discorsi generici.

Qualsiasi decisione uno prenda per un qualsiasi motivo, si corre sempre il rischio che quella decisione venga interpretata e personalizzata.

Si arriva al paradosso che spesso capita di non riuscire a convincere le persone che il loro atteggiamento o le loro azioni, non hanno avuto nulla a che vedere con la decisione presa.

Il protagonista di questo libro ha come scopo personale quello di illuminare in un certo senso la vita del figlio mettendolo a conoscenza delle proprie esperienze e invece si scopre essere uno dai tanti, tantissimi che si risentono delle critiche.

E allora cosa vuoi scrivere a tuo figlio?

Va là…fagli fare la sua strada e vedi di non intrometterti più di tanto, che è meglio.

Questo è più o meno quello che si intuisce dall’atteggiamento dell’amico Tiziano.

Il procedere della storia mi ha fatto pensare che il genitore stia scrivendo il diario più per orgoglio personale che per altro, per sentirsi importante, per credere di avere uno scopo nella vita.

A mio parere l’autore avrebbe potuto approfittare meglio questo punto di attrito tra i due ed utilizzarlo per avviare una discussione decisamente più profonda, facendo in modo che la loro amicizia ne uscisse rafforzata, magari dopo un chiarimento anche duro; invece la cosa è appena accennata e il tutto si risolve in un’occasione persa.

Poi c’è il colpo di scena che cambia la situazione e arriva quel passaggio che certamente creerà emozioni diverse a seconda del punto di vista personale di ogni lettore.

Mi riferisco al capitolo nel quale le “parole” si rivolgono a Leonardo, il protagonista del libro.

Un affronto duro, freddo, implacabile, che porta a reazioni diverse e consente il ritorno in superficie ad un libro che sembrava sprofondare lentamente.

E’ più di una boccata d’aria, è il fulcro sul quale fa leva il libro, la sua colonna portante.

Grazie alle emozioni che generate da questo passaggio il libro vale la pena di essere letto.

Quelle parole possono essere intese come sentenza o come provocazione, possono chiudere una porta o aprirne un’altra.

Pertanto, indipendentemente dalla prosecuzione e di conseguenza dal tipo di finale raccontato, è quello il momento nel quale tutta la parte precedente acquisisce importanza.

Un libro da leggere anche se non adatto a tutti per la crudezza di alcuni momenti.

Annunci

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Una risposta a “Le Cose Fondamentali – Tiziano Scarpa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...