Il Ragazzo Che Amava Jack London – Franco Giarda

La storia che il bravo Franco Giarda racconta in questo romanzo è intrigante, come tutte le belle cose, e presenta diversi livelli di approfondimento.

L’aspetto più banale è rappresentato dal semplice racconto delle vicende di un adolescente milanese immerso nel proprio mondo fatto di amicizie, rapporti coi genitori, piccoli amori, passione per la musica. Un mondo che lo porta a vivere come se ci fosse una dimensione temporale parallela al contesto reale che è quello degli anni più intensi della seconda guerra mondiale, almeno fino a quando le cose improvvisamente cambiano prendendo una piega imprevista.

Ma il libro presenta aspetti e livelli decisamente più profondi e curiosi.

Lo si può leggere in chiave socio-politica concentrando l’attenzione sulla vicenda storica, con l’entrata in crisi del fascismo e le famiglie che di nascosto ascoltano il colonnello Stevens di Radio Londra e la rabbia popolare che prende corpo con la nascita della resistenza.

Si può leggere in chiave musicale grazie alla passione di Guido per l’opera e per Rossini e grazie al signor Falsone che gli apre la mente appassionandolo al mondo di Wagner.

Infine lo si può prendere come un piccolo libro delle curiosità, perchè si viene a conoscenza di tante piccole cose rimaste sconosciute vuoi per il poco peso attribuito loro, vuoi magari perchè date per scontate.

Ad esempio tutti attraverso la storia, il cinema e tutto il resto, sanno che ai tempi della guerra si ascoltava Radio Londra. Nel film Il giorno più lungo ci sono anche diversi esempi di messaggi in codice, ma solo in questo libro ho saputo che era una persona sola, il colonnello Stevens appunto, a diffondere i messaggi.

Altri esempi sono l’illustrazione dell’opera di Wagner Tetralogia, con la spiegazione seppur sommaria delle varie fasi e le riflessioni sui libri di Jack London.

Per molti saranno probabilmente cose scontate, ma è facile solo ciò che già si conosce.

In realtà il libro risulta essere molto più crudo di quello che sembrava e questo lo rende ancora migliore.

Mi sembrano queste motivazioni più che sufficienti per dare un giudizio personale piuttosto positivo a questo libro e consigliarne di conseguenza la lettura.

 

Annunci

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Una risposta a “Il Ragazzo Che Amava Jack London – Franco Giarda

  1. Pingback: Letture Ottobre 2010 « ENTUSIASMI…repressi e non…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...