Le Perfezioni Provvisorie – Gianrico Carofiglio

Un libro normale questo di Gianrico Carofiglio, a mio parere senza infamia e senza lode.

La mia non vuole essere una critica negativa, ma non trovo nemmeno i presupposti per un’esaltazione dell’opera.

Una storia non proprio originale con un caso di scomparsa per il quale viene contattato un avvocato penalista, il quale suo malgrado si ritrova ad affrontare compiti non suoi, appassionandosi alla vicenda al punto da farsi coinvolgere personalmente.

Una volta lessi di una ricerca che indicava in circa trenta il numero massimo di trame possibili in un racconto: decontestualizzando  la vicenda dal  luogo, dal tempo e dal nome dei protagonisti, tutte le diverse vicende si possono racchiudere in una trentina di possibilità.

Non so se tutto ciò sia vero, ma la vicenda di questo libro tolta dal proprio contesto non è proprio originale.

Può appassionare certamente e senza dubbio ci si può sentire coinvolti durante la lettura.

Il protagonista porta a farsi volere bene per l’autoironia, i principi sani che trasmette e per le proprie debolezze che lo portano ad un conflitto interiore continuato.

Però in un periodo nel quale tra film, serie televisive e libri, ci si trova sommersi da una montagna di proposte diverse, sono convinto che siano i dettagli a fare la differenza.

In questo caso i dettagli sono deludenti: tutta la vicenda infatti si svolge e si risolve attorno ad una domanda dell’avvocato sull’eventuale utilizzo di sostanze stupefacenti, che viene rivolta ad una delle amiche più strette della persona scomparsa.

E’ abbastanza inverosimile che durante le indagini per la scomparsa di una ragazza di poco più di vent’anni, nessuno in caserma ponga quella domanda e sia un avvocato contattato dopo sei mesi ad avere questo colpo di fortuna che in qualche giorno porta alla completa risoluzione del caso.  Mah!

Detto questo e spiegati i motivi per cui  questo racconto non mi ha esaltato, rimane da dire che la scrittura certamente appassiona, i diversi personaggi trovano ognuno il posto giusto e lo scorrere delle pagine spinge a proseguire la lettura per conoscere gli sviluppi della vicenda.

In definitiva un buon libro per le vacanze non di pù, specie per chi appartiene alla categoria dei forti lettori.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...