Aperto Tutta La Notte – David Trueba

Questo romanzo di David Trueba racconta la vita della famiglia Belitre, in particolare dopo il trasloco nella nuova casa.

E proprio la casa è l’unico posto aperto tutta la notte.

Trueba inserisce nella storia un pò di tutto.

Dal sesso, presente in maniera consistente, ma sempre allo scopo di inquadrare le personalità dei maschi della famiglia, alle trovate curiose dello psicologo che cura tutti e nessuno.

Dall’amore con tanto di strategie, tradimenti e ritorni vari, al dramma per alcune situazioni violente, il tutto sempre visto con molta ironia.

A leggere tutte le vicende dei protagonisti, che si intrecciano e portano a situazioni sempre più complicate, mi è venuto il mente il film Fuori Orario di Martin Scorsese.

Grottesco potrebbe essere l’aggettivo adatto per riassumere questo libro. Grottesco in modo positivo.

Grottesco come il rimedio indicato dallo psicologo per fare in modo che il piccolo della famiglia, Lucas, la smetta di fare il verso a tutti coloro che, secondo lui, gli hanno fatto un torto: una bella museruola di cuoio da togliere solo per mangiare o parlare quando interrogato.

Grottesco come tutti assecondino questa “cura” senza fare una piega, Lucas compreso. Al punto che alla fine dell’estate si ritrova con la faccia tutta abbronzata tranne i segni bianchi delle cinghie della museruola.

Curioso lo psicologo che si sistema nel giardino con una tenda e lì tiene le sue sedute di terapia spesso inutili.

Nel percorso personale di Basilio e nelle sue frustrazioni, si può vedere la difficoltà nel trovare una propria dimensione personale: prima tutti lo additano e lui, vergognandosi di se stesso cerca continuamente di fuggire dalla realtà.

Poi cerca e trova il modo di rendersi invisibile per non farsi notare; dopo poco neanche questo lo soddisfa perché si sente estraneo alla vita e infine giunge alla  conclusione che sia meglio accettarsi per quello che si è e cercare di ottenere dalla vita il meglio che si può.

Anche Nacho, pieno di donne e sempre prodigo di suggerimenti verso il fratello minore riguardo alla strategia migliore da adottare, alla fine non è mai veramente soddisfatto di quello che riesce ad avere senza troppo impegno.

Tutto in breve tempo diventa scontato se non lo si conquista con le proprie forze.

Un nonno che parla con Dio e una nonna che passa anni a letto per scelta, come presa di posizione contro la vecchiaia.

Un padre che si fa portare via il posto di capofamiglia dal figlio malato.

Grottesche sono tutte le situazioni che vengono a crearsi per il troppo amore dei genitori verso i figli, ai quali non sanno mai dire di no.

Molto bello quindi questo libro, al punto che non saprei immaginare cosa potrebbe mai scrivere di nuovo Trueba in altri romanzi.

Sembra abbia già messo tutto qui.

Non rimane che scoprirlo leggendo qualche altra sua opera, Quattro amici per esempio.

Annunci

1 Commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Una risposta a “Aperto Tutta La Notte – David Trueba

  1. Pingback: Letture Gennaio 2010 « ENTUSIASMI…repressi e non…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...