Bookstories: Sulla Strada – Jack Kerouac

Prima curiosità: Kerouac era di madrelingua francese e imparò l’inglese solamente verso i cinque o sei anni. Per questo motivo, qualcuno sostiene che la primissima stesura sia stata scritta in francese.

Kerouac, dopo aver viaggiato per tutta l’America, si ritrova ad avere questo libro nella testa e nel 1951 finalmente decide di mettere nero su bianco quelli che erano i suoi pensieri.

Quando prende quella decisione, il suo istinto lo obbliga a scrivere il libro di getto tutto in una volta.

Non poteva perdere neanche un minuto durante la scrittura, nemmeno per cambiare il foglio nella macchina da scrivere.

Proprio per questo prese una serie di fogli di carta e li attaccò con del nastro adesivo uno di seguito all’altro, formando così un unico grande rotolone quasi a simboleggiare proprio una strada.

Il libro venne scritto tuttto di un fiato, anche sotto uso di sostanze stupefacenti, quasi senza paragrafi e quasi senza punteggiatura.

La strada, il viaggio, il rotolone…la forma e la sostanza in questo caso coincidono, almeno in un primo momento.

Poi accade che il cane di un amico se ne mangiò una parte…e Kerouac dovette scrivere nuovamente il finale a causa di questo imprevisto.

In seguito l’autore passò diversi anni andandosene in giro per New York ad incontrare editori con questo rotolone sotto braccio, nella speranza di convincerne qualcuno a pubblicare il libro.

Sarebbero dovuti passare anni prima che venisse accontentato, infatti il libro venne pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti il 4 settembre 1957.

Fernanda Pivano lo legge immediatamente e già dopo pochi giorni lo segnala alla casa editrice Mondadori, ma senza suscitare grande interesse.

Ne parla allora direttamente con Arnoldo Mondadori, incontrato durante una serata mondana, il quale prende nota del nome dell’autore…sbagliandolo: Keruac.

La primissima edizione italiana reca quindi questo errore, perché i funzionari della casa editrice presero alla lettera l’appunto di Arnoldo Mondadori.

Il rotolo originale venne messo sotto chiave dall’autore, il quale non volle mai mostrarlo in pubblico.

Alla morte degli eredi diretti, il rotolo fu acquistato dal presidente di una squadra di football che gli fece fare una tournee in giro per l’America, chiudendo in un certo modo il cerchio e portando on the road il libro on the road.

Da: Che Tempo Che Fa – Giovanna Zucconi

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...