Il Treno Della Notte – Martin Amis

Si tratta di un giallo, un caso di dubbio suicidio, dove la protagonista principale è una poliziotta.

La particolarità di questo libro sta proprio nel fatto che lo scrittore si metta nei panni di una donna poliziotto e la faccia parlare in prima persona con tanto di pensieri e dialogo interiore.

Uno scrittore uomo e una protagonista femminile, un’operazione molto difficile che Amis risolve furbescamente, presentando una donna il più mascolina possibile.

Però ben poco permette al lettore di accorgersi che si tratta di una donna.  E allora capita spesso che l’autore ricorra a qualche espediente di basso livello, tipo richiami al sesso o altre cose che con il caso da risolvere non c’entrano molto, ma che servono quasi per giustificare la scelta di tale protagonista.

Solitamente, quando è una donna a fare parlare un’altra donna, si colgono emozioni, sensazioni e punti di vista decisamente diversi da quelli presentati in questo libro.

Amis sa benissimo queste cose e, ritengo per una scelta di onestà nei nostri confronti, non solo ricorre ad una donna il più maschile possibile, ma addirittura la chiama per tutto il romanzo con il diminutivo Mike, anche quando parla tra sé e sé.

Per il resto il racconto scorre bene, presentando anche qualche espressione e qualche situazione particolare.

Un libro che gli amanti del genere potranno trovare piacevole, senza troppe pretese e senza troppo impegno.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in libri, recensioni libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...